Quando i soggetti si muovono

Di recente ho fatto un esperimento improvvisato, nel senso che non mi ci ero preparato per nulla e mi sono affidato completamente alle figure di settaggio predefinite delle mia reflex. Ho capito solo nel durante che stavo facendo un cavolata ma mi sono intestardito e per non buttare via tutto (vecchio retaggio da analogica) ho cercato di usare le “indicazioni” che mi dava il setting automatico usandolo come base e riportandolo in manuale correggendolo poi a seconda della situazione.

Basta con i preamboli vaghi.

Con un gruppo di amici eravamo in un parco avventura a Civenna (Co) la giornata era nuvolosa con cielo lattiginoso, praticamente una lastra bianca sopra gli alberi del bosco. Essendo l’avventura un percorso tra gli alberi servendosi di carrucole e ballatoi, i miei soggetti erano in costante controluce.

Sono partito con la mia 400D ed il mio zoom 24-105 f/4. Purtroppo sono partito senza portarmi il flash esterno alla macchina e quindi mi sono dovuto affidare al flash incorporato che è stata la mia salvezza in quanto appunto l’unico modo per non ottenere dei soggetti neri su sfondo bianco era appunto usare il flash. Per mia fortuna i camminamenti tra gli alberi non erano a più di 4 metri di altezza e quindi il flash è sempre riuscito a ad illuminare i soggetti anche se non con un illuminazione uniforme come mi sarebbe piaciuto, probabilmente il flash comincia a quella distanza ad avere una resa minore.

La parte più difficile è stata però quella in cui c’era bisogno di immortalare soggetti a 4 metri di distanza, in controluce e per di più in movimento rapido.
Coefficiente di difficoltà 3.1, nemmeno la Cagnotto!

Come ho risolto? Non ho risolto. Ho cercato di arrangiarmi usando la figura di settaggio della reflex per le foto sportive e ho scattato nella speranza che grazie al settaggio dell’autofocus e dello scatto multiplo sequenziale si riuscisse ad ottenere qualche foto decente.  Ho incontrato due problemi che non ho potuto risolvere al volo e cioè la mia posizione rispetto al soggetto in movimento ed il fatto che lo scatto multiplo non ha funzionato sempre probabilmente perchè la macchina era impegnata nel “elaborare” ed immagazzinare gli scatti precedenti.

Insomma c’è da lavorarci su anche se non sarà facile cercare soluzioni su situazione per me poco usuali.

immagine da http://www.fotografidigitali.it/articoli/3280/ghiera-canon-consumer.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...