Un immagine di un idea

Life Through a Lens 2

Life Through a Lens 2 di lytfyre, su Flickr

Quante volte nelle città italiane abbiamo visto flotte o meglio stormi di turisti prendere d’assalto con le loro usa-e-getta prima, poi “compattine” ora smartphone le nostre bellezze o un panorama o una situazione simpatica/interessante. Quante volte anche noi stessi siamo presi dalla frenesia del Clic! e Scappa!. Cosa rimane nei bit dell’immagine o nella stampa di quello che realmente abbiamo visto?

Ho sottolineato il realmente pechè credo ci siano delle verità negli scatti che sono oggettive ma che non tutti vogliono o sono in grado di immortalare nello scatto. Non credo, come invece molti fanno, che la fotografia sia sostanzialmente una bugia, un illusione di realtà manipolata dall’occhio, dalla mente e dalla visione che il fotografo ha della scena. Non nego che ci sia questa soggettività ma non credo che possa essere la padrona dello scatto.

La mia personale idea è che lo scatto sia dominato da un idea e che questa idea può essere più o meno reale a seconda del nostro grado di approfondimento. Ci sono fotografi che fanno delle lunghe passeggiate nella loro città per fare pochi ma significativi scatti di street alla ricerca delle comprensione della gente che quelle strade le abita nella quotidianità. Ci sono fotografi che si appostano per lunghe ore all’osservazione delle abitudini di animali selvatici nell’intento di comprenderne anche solo vagamente il comportamento per poi poter fermare su fotogramma il momento voluto. Lo stesso fanno i paesagisti alla ricerca della luce voluta e del punto di vista che sottolinei quella particolare carattestica che è poi il soggetto della fotografia. Ci si fa insomma un idea di quello che vediamo conoscendola.

Fermarci prima di scattare e pensare se realmente conosciamo quello che vediamo è un esercizio che ha come effetto immediato la riduzione del numero di scatti fino delle volte all’arrivare al non scattare in una sorta di rispetto che vuole evitare di rapprentare qualcosa di non-reale dandone un illusione. Quello che invece voglio ricordare (non obbligo nessuno a farlo) è che la fotografia è l’immagine di un idea e tanto più un idea è chiara e profonda tanto più la foto sarà significativa parlando dell’idea a chi la osserva assolvendo allo scopo della fotografia stessa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...